Idee Green – parla Contiamoci.com

8715479598_d02d212aae_bIl portale Idee Green parla di noi. Scambiare le proprie abitudini Green, condividerle e diffonderle è l’obiettivo di Contiamoci.com, la community online nata da un’iniziativa di Greta Golia e Silvano Stralla.

Le buone pratiche green sono azioni finalizzate a ridurre gli sprechi e l’impatto sull’ambiente e nascono dalla buona volontà e dai piccoli sforzi di tutti i membri di questa community che punta a diffondere uno stile di vita sostenibile. Continua a leggere l’articolo su Idee Green.

Photo credit: Abhijit Chendvankar via VisualHunt / CC BY-NC-ND

Annunci

Gli ingredienti di Contiamoci: le persone e le buone pratiche.

concert-community-handIntervista di Carlo Griseri per Tiscali News Piemonte. Guarda il video dell’intervista

TORINO , 18 Nov (Spazi Inclusi) – Funziona come un vero e proprio social network il portale Contiamoci.com , nato a Torino su iniziativa di Greta Golia e Silvano Stralla. Si tratta di una comunità online che collauda e scambia le green action, cioè le buone abitudini pratiche utili a ridurre i danni che provochiamo all’ambiente.

“Ero stanca – racconta Greta Golia – di sentirmi dire che le tante piccole cose che avevo iniziato a fare per ridurre il mio impatto sull’ambiente e vivere in maniera più sostenibile (dalla raccolta differenziata al muovermi sempre meno in auto, tra le altre) fossero solo delle gocce nel mare, che non servissero a nulla: ho pensato fosse giunto il momento di contare queste gocce, perché ero e sono convinta che tutte insieme possano fare qualcosa di importante”.

Agli utenti potenziali i fondatori del social network mandano un invito semplice e chiaro: “Trovate buone idee che diventino buone pratiche, inventatele, guardate come le applicano gli altri, provatele, perfezionatele, insegnatele”.

Sul sito Contiamoci.com si possono leggere e condividere già moltissime idee, dalle più semplici alle più complesse, dalle più originali a quelle che tutti potremmo iniziare a compiere dall’oggi al domani, senza complicarci la vita ma riducendo di molto il nostro impatto ambientale.

“Una volta registrati al sito – spiega Silvano Stralla – si può navigare in libertà, leggere le varie pratiche segnalate dagli altri o caricare la propria. Una volta scelta una pratiche che ci è affine, si può scegliere di ‘seguirla’, oppure di seguirne l’autore – per scoprire se ne pubblicherà di altre. In questo modo il sistema provvederà a recapitare nella mail di ogni iscritto notifiche, aggiornamenti e quant’altro limitandosi solo alle cose che ci interessano di più e aiutandoci così nella navigazione”.

Il social network offre così anche la possibilità di interazione tra gli utenti, per chiedere maggiori informazioni su una ‘buona pratica’ o anche per segnalarne una personale modifica o miglioria. “L’idea è quella di costruire una vera e propria comunità che possa dialogare, sostenersi, ispirarsi e consigliarsi”.

Comunità non solo online, perché a Torino – allargandosi poi al resto d’Italia – sono iniziati una serie di incontri alla libreria Belgravia in cui gli utenti possono incontrarsi e imparare dal vero a farsi i propri detersivi, a costruire regali di Natale originale utilizzando materiali di riciclo e molto altro ancora.

Carlo Griseri. Tiscali News Piemonte. Via: http://video.tiscali.it/

Photo via Visual Hunt

Contiamoci: una community per le buone pratiche green

watering-can-casting-water-irrigation-garden-pot

Davide Mazzocco scrive:

Molto spesso l’essenza di un’idea è racchiusa in piccoli dettagli. Quando ho conosciuto Greta Golia e Silvano Stralla mi hanno dato un volantino stampato sul lato bianco di un foglio recuperato da una fotocopia. Un piccolo gesto rivelatore di come si possa cominciare dal piccolo a cambiare davvero le cose.

E su Ecoblog.it trovi l’articolo completo.

Photo via Visual Hunt

Stili di vita green? Contiamoci.com

backpackers-on-mountain-tripSi parla di noi sul giornale online Young4young. Di Nerina Trettel

Una community per scambiarsi consigli e trucchi su come rendere più ecologica la vita quotidiana

È una community ecologica, concreta, gentile. Si chiama Contiamoci e si propone come il luogo in cui «gli umani scoprono, provano e scambiano buone pratiche per il pianeta». L’obiettivo è di scambiare le green action, cioè le buone “abitudini pratiche”, sperimentate da chi le propone. Il metodo infatti è: «trovate buone idee che diventino buone pratiche, inventatele, guardate come le applicano gli altri, provatele, perfezionatele, insegnatele».

Funziona come un social network: basta iscriversi e si può cominciare a navigare e a postare. Nel sito si trova un blog, con articoli su campagne, progetti ed esperienze. Ma la parte più interessante è appunto quella dei suggerimenti e dei consigli, che si possono esplorare navigando attraverso diverse categorie, come animali, auto, igiene, mobilità consapevole, camera da letto consapevole, orto, riciclo creativo e così via, fino a “zona etica” e “spiritualità”, area un po’ vaga con consigli di ispirazione zen o giù di lì.

È così possibile trovare indicazioni che riguardano l’alimentazione, l’abbigliamento, l’uso dell’energia e dell’acqua, l’arredamento, la salute, il tempo libero. Riutilizzare in cucina le bucce della frutta, spegnere in modo green la sigaretta, ridipingere casa usando colori ecologici, farsi l’orto in casa, ridurre i rifiuti… Si trovano anche segnalazioni di libri o di siti che trattano gli argomenti in questione. Non mancano le pillole di filosofia di vita: c’è chi invita ad usare meno le tecnologie, imparando a staccarsi ogni tanto dal cellulare e a rinunciare ad un po’ di tv, chi suggerisce che si affronta meglio la crisi se ci si esercita a raccogliere e diffondere buone notizie, fare sport, uscire di casa per fare cose piacevoli…

Il sito è gradevole anche grazie al fatto che i post sono molto brevi e facilmente leggibili. E se alcuni appaiono difficilmente praticabili (come quello che invita le giovani mamme ad usare pannolini lavabili al posto di quelli usa e getta) altri sono immediatamente utilizzabili e richiamano il buon senso delle nonne. Un esempio? Il post di Donchisciotte che ha fatto un semplice calcolo: se bevi 4 caffè al giorno al bar, spendi circa 4 euro per 365 giorni, cioè in un anno 1.460 euro. Se i caffè scendono a due, risparmi 730,00 euro in un anno, e saltano fuori i soldi per una piccola vacanza, che altrimenti non avresti potuto permetterti. Morale della favola: «potrei elencarvi decine e decine di piccole rinunce che non ci modificano la vita ma possono farci risparmiare parecchio in modo da utilizzare i nostri risparmi come realmente desideriamo. La televisione e la pubblicità creano in noi determinati bisogni che in natura non avremmo e dobbiamo difenderci da questi continui attacchi. Cerchiamo di essere noi stessi sempre».

mercoledì 22 gennaio 2014 – http://www.young4young.com/recensione.php?id=1615

Photo via VisualHunt.com

Contiamoci è sexy

E’ stato molto piacevole essere intervistati da Gloria Vanni di Less is sexy, Il feeling è stato immediato, la chiacchierata piacevole, il risultato un bellissimo ritratto di Contiamoci e del nostro sentire.

E poi come non condividere quello che scrive sul suo blog: “Questa è un’epoca di straordinari cambiamenti. Dove il tempo è un lusso e gli strumenti tecnologici si moltiplicano a velocità supersonica. Dove vogliamo sentirci persone anziché mercato. Perché nonostante le differenze, siamo tutti individui. Uomini e donne, alla continua ricerca di calore.”

Grazie Gloria e buon lavoro per il tuo blog.

Contiamoci è sexy

Ho scritto un articolo per Comune-info che parla di Contiamoci

asphalt-forest-leavesUn giorno d’estate di tre anni fa ero seduta in un bar di Dogliani, un bellissimo paese in provincia di Cuneo, situato nelle Langhe e molto famoso per il Dolcetto, il vino del luogo. Chiacchieravo con Silvano, il mio compagno, di tutti i passi avanti che avevamo mosso fino a quel momento nel tentativo di cambiare le nostre abitudini verso uno stile di vita meno impattante sull’ambiente e riflettevo sulle obiezioni che spesso mi vengono fatte quando racconto i miei cambiamenti e le nuove abitudini.

Spesso mi scontro con la diffusa opinione che i piccoli sforzi del singolo non possono cambiare le cose, che i piccoli atti sono sprechi inutili di energie; visto che credo fermamente che non sia così,  quella mattina ho pensato: “Certo che dovremmo proprio contarci per dimostrare che non siamo poche gocce nel mare”, che non sono pochi quelli che si impegnano affinché delle piccole azioni diventino abitudini sane. [continua a leggere – articolo di Greta Golia su Comune-info].