Eco-Revolution: laboratorio di cosmesi naturale fatta in casa

ECOrevolution-3

Questo corso fa per te se:

  • Ti sei chiesta più volte: “che cosa mi starò spalmando sulla pelle? Mi farà bene?”
  • Preferisci fare la marmellata o il pane, cucire o riparare qualcosa, produrre detersivi o cosmetici, piuttosto che passare il sabato pomeriggio in coda al supermercato.
  • Ti piace sporcarti le mani.
  • Hai già esperienza di autoproduzione (ma se è la tua prima autoproduzione scoprirai che mani in pasta è bello).

Fatto in casa e con le proprie mani

Ho cercato sul dizionario online Treccani la parola autoproduzione, non l’ho trovata. Allora ho cercato su Garzanti, Zanichelli, De Mauro: niente. Ho trovato però autoprodurre: au·to·pro·dùr·re/ verbo transitivo: produrre in proprio. Origine: parola composta. di auto- e -produrre •1992.

Visto? 1992. Pazzesco, se ci pensi è una parola relativamente recente. Eppure scommetto che almeno una volta hai fatto con tua nonna la pasta all’uovo, una torta o la maionese, la conserva di pomodoro o una marmellata, la pizza o il pane e potrei continuare. Insomma senza saperlo tua nonna faceva autoproduzione: ovvero fatto in casa e con le proprie mani.

Autoprodurre per me significa anche imparare a rallentare, andare di pari passo con i ritmi della natura, serve a ricordarmi che non c’è saggezza nell’avere tutto e subito.
— Greta Golia

Ho scoperto che a me piace molto l’autoproduzione: trascorrere un po’ del mio tempo a fare cose che mi fanno stare bene, riscoprire la manualità e la gioia di fare, e anche per questo cucio appena posso. Da quando scelgo cosmetici certificati bio e ho imparato a leggere le etichette per sapere cosa mi spalmo addosso, ho anche iniziato ad autoprodurre qualche cosmetico per evitare di inquinare la mia pelle con prodotti derivati dal petrolio.

È bello, utile e necessario condividere queste conoscenze, ecco perché io e Marzia di Coffe & Mattarello ti proponiamo la seconda terza edizione del laboratorio di cosmesi naturale fatta in casa per recuperare le nostre capacità manuali: un antistress assicurato (ecco come è andata la prima edizione e qui trovi tutte le foto della seconda edizione).

Ecco cosa otterrai

Il corso sarà diviso in due parti.

Nella prima parte teorica parliamo di che cosa è l’eco-cosmesi. Leggeremo assieme le etichette e l’INCI ovvero l’elenco degli ingredienti che compongono un cosmetico, imparerai ad orientarti nello scegliere un cosmetico realmente naturale e scoprirai che autoprodurre cosmetici in casa è bello.

Nella seconda parte pratica autoproduci i tuoi cosmetici (faremo un deodorante, uno shampoo secco e uno scrub viso) con ingredienti facilmente reperibili e tornerai a casa con i prodotti fatti con amore e con le tue mani. Riceverai via mail  – eccchetelodicoaffare! – una dispensa con tutte le ricette e i contenuti del corso. Insomma ti piacerà tantissimo!

Lavorerai in gruppo, insieme ad altre donne con cui scambierai idee, suggerimenti e curiosità sull’autoproduzione. Ti regalerai un pomeriggio tutto per te per imparare come poche materie prime di qualità possono rendere eccezionale un cosmetico, non solo per la bellezza, ma anche per la salute. Sarà un’esperienza arricchente, formativa e divertente.

Verrai inserita nel gruppo chiuso Facebook Eco-Revolution dove continueremo a parlare di ricette, di autoproduzione, di buone abitudini green, potrai chiedere aiuto, toglierti dubbi e confrontarti con chi spignatta come te <3.

E siamo sicure che questo ti sorprenderà piacevolmente.

Perché un corso con noi?

Perché sono curiosa e appassionata scopritrice di novità eco-sostenibili. Attraverso l’esperienza di Contiamoci.com, di cui sono fondatrice, ho scoperto che è sempre più forte e impellente il desiderio di condividere saperi e conoscenze e che questo semplice atto di rivoluzione silenziosa ci farà riappropriare di tante ricchezze che sono state messe da parte.

E poi è da quando ho conosciuto Marzia che non vedevo l’ora di rifare questo corso. Lei si definisce un’etichettomane senza speranza e se l’INCI non la convince gran peccato, tanto una delle sue massime è «si può fare in casa!». Ha imparato e sperimentato in prima persona tutto ciò che faremo insieme e ti farà scoprire un mondo dell’autoproduzione ricco di possibilità, semplice e alla portata di tutti. Guarda le meravigliose ecocose di Marzia la nostra docente.

Special Guest & Surprise

Vuoi rifare le ricette che hai imparato al corso e magari regalare le tue autoproduzioni per Natale? Beh sei fortunata perché Francesca Marinari alla fine del laboratorio ci mostrerà tante idee e accorgimenti per impacchettare le tue autoproduzione mostrandoci che un packaging ecosostenibile è possibile.

Prezzo

Il laboratorio teorico e pratico con dispensa tecnica e ricette costa 37€. Tornerai a casa con le tue belle autoproduzioni. Il numero massimo di partecipanti è 12 (restano 11  10 2 posti), il corso parte con un numero minimo di 7 iscritte. Ok, mi iscrivo! 

Dove

Il 18 novembre 2017 dalle 15 alle 18 saremo ospiti di Portmanteau un luogo che ci offre tutto il calore di una casa, felice di accoglierci ogni volta come vecchi amici. A pochi minuti dal centro e dalla stazione di Porta Susa, al confine tra Aurora e il Quadrilatero Romano, via Brindisi 10 Torino.

Iscrizioni

Ti ho convinto? Sì mi iscrivo! Clicca qui e compra il biglietto. 

Ti aspetto da Portmanteau e ricordati di portare con te:

  • una ciotola,
  • 3 barattoli di vetro che hai già (circa 200/330 gr misura orientativa),
  • il bagnoschiuma che usi di solito (anche se il flacone è vuoto).

Recensioni

Chi ha già frequentato il corso dice:

Brave! Appassionate e competenti, spero sia solo l’inizio! 🙂
— Martina Baracco

Corso molto interessante e insegnanti coinvolgenti! Spero in altri corsi simili con ricette nuove.
— Elena Fabris

Sono molto felice di aver partecipato. Era da molto che aspettavo un corso simile e in linea con l’ecologia ❤
— Francesca Marinari

Pur essendo amica di Marzia ho scelto di venire per interesse nell’argomento. Ho apprezzato molto che i contenuti siano stati esposti in modo leggero ma serio e preparato anche per chi come me si sta avvicinando alle pratiche verdi (allelujah! non ho sentito dire green) senza essere già “infognata”. Complimenti a entrambe.
— Elena Ciampi

Guarda le foto della terza edizione.

Annunci